Translate:

loading...

Cresce il fatturato di Levi’s: ricavi a 5,6 mld $ nel 2018 (+14%)

Servizio Clienti


Contattaci per avere maggiori informazioni sui nostri prodotti!

+39 (059) 641881



Contatto Skype



Contatto rapido

Compila i campi riportati di seguito ed invia ORA la tua richiesta!

Accetta Privacy (Info)


invia la richiesta


Occasioni




Visita la nostra area OCCASIONI e scopri le nostre OFFERTE
riservate a te!



vai alla sezione


Manichini con parrucca in Omaggio

Manichino realistico Vogue 1Eclicca qui!


Newsletter



Vuoi rimanere
sempre aggiornato
su tutte le novità
di Manichini Store?



iscriviti ora!


Torna su

08.03.2019

Grande risultato nel 2018 per una delle aziende storiche di maggior successo: Levi’s Strauss & Co. registra un aumento del fatturato del 14%, attestandosi 5,6 miliardi di dollari (circa 6,3 miliardi di euro). Nonostante l’ebit adjusted sia cresciuto del 13% a 542 milioni, l’utile, invece, non ha visto variazioni ed è rimasto stabile a quota 285 milioni di dollari. Analizzando i dati su una scala geografica, a spingere maggiormente questa crescita è stata l’Europa, dove il marchio ha registrato un +25%, attestandosi a 1,6 miliardi di fatturato. A seguire troviamo l’America (+10%) a 3 miliardi e l’Asia (+8%) a 887 milioni.

Cresce il fatturato di Levi's nel 2018

Il presidente del brand californiano, Charles V. Bergh, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni per commentare l’ottimo risultato: “Abbiamo avuto un anno eccezionale con ricavi netti a 5,6 miliardi, in crescita del 14% su base reported. È chiaro che la strategia per diversificare il nostro portafoglio prodotti, espandere il nostro business direct-to-consumer e approfondire la nostra ‘connection’ con i consumatori di tutto il mondo ha funzionato, con un conseguente aumento delle entrate annuali e del margine lordo”.

Noto soprattutto per la sua produzione di jeans, nell’ultimo trimestre del 2018, chiuso lo scorso 25 novembre, il brand ha invece registrato un aumento per quanto riguarda i ricavi pari a 1,6 miliardi (+9%). A questo risultato, tuttavia, si è contrapposta un’ampia flessione dell’utile netto a 97 milioni (-17%), che è una conseguenza diretta dell’imposta relativa al Tax Cuts and Jobs Act (il “Tax Act”), ma non solo. Tra i principali responsabili di questo dato, infatti, vi è anche un ebit adjusted (-18%) a 129 milioni di dollari.

Torna all'elenco News